MINI GUIDE #2 – Il fotografo – intervista flash a Roberto Candido

26/01/2018 Mini Guide 0

 

Ciao! Benvenuta al secondo episodio delle Mini Guide.

Oggi si parla del fotografo!

Ti avverto, sarà un post lungo perché ci tengo davvero tanto!

Prima ti darò dei consigli dettati dalla mia esperienza di sposa e di addetta ai lavori, poi farò una breve intervista a un professionista della fotografia di matrimonio: Roberto Candido.

fotografo matrimonio

Pronta? Preparati una tazza di tè o un bel caffè e iniziamo! 😉

Immaginati tra qualche anno: quanto sarà bello riprendere in mano il tuo album di nozze e rivivere ancora quelle emozioni speciali, ricordarti di tutti quei dettagli che avevi curato con tanta attenzione…? E come riderai guardando la foto che immortala quel momento così divertente insieme ai tuoi amici?

Capisci da sola, quindi, quale sia l’importanza di avere belle foto e, soprattutto, un racconto di ciò che accadrà il giorno del matrimonio: un vero e proprio reportage di tutti gli attimi e le emozioni che vivrai e che, nonostante al momento sembrino indelebili, potrebbero sbiadire nella tua memoria se non impressi per sempre sulla carta!

 

FOTO IN POSA O SPONTANEE?

Le foto in posa non vanno più, sia per la generale tendenza ad abbandonare tutto ciò che sentiamo finto e costruito in favore di ciò che è più naturale e spontaneo, sia perché, ammettiamolo, fare foto tutte uguali con 100 invitati è di una noia mortale e si perde davvero tanto tempo prezioso.

Ciò premesso, scegliere uno stile reportage “assoluto” ha anche dei rischi: può succedere che alla fine tu non abbia una bella foto con la tua migliore amica, per esempio, o con i tuoi nonni, e sai quanto loro ci tengono!

Il mio consiglio è di optare per un mix dei due stili, tradizionale e reportage, in modo da avere tante foto naturali che raccontino una storia, ma anche alcuni scatti belli (= dove siete venuti bene!) con le persone più importanti.

 

PARLA CHIARO CON IL TUO FOTOGRAFO

A parte alcuni momenti clou che in ogni caso saranno immortalati, devi essere tu a specificare cosa è per te fondamentale, perché:

  • non è detto che lui sappia riconoscere in mezzo a tutti gli invitati quelli a te più cari: per esempio, potrebbe perdere tempo a fotografare il figlio – del nipote – del cugino – della moglie – del tuo capoufficio (!!!) e non il tuo caro nipotino! 😛
  • ognuno ha gusti e priorità diverse: per te potrebbe essere fondamentale avere tante foto buffe al photobooth coi tuoi amici, per un’altra potrebbe essere più importante dedicare del tempo a nonni e zii, oppure avere foto ai tavoli con TUTTI gli invitati.

Non dimenticarti, quindi, di dare precise indicazioni al tuo fotografo perché il tempo a sua disposizione non è infinito e dovrà fare delle scelte.

 

OPTIONAL: SECONDO FOTOGRAFO

Un fotografo che si rispetti non lavora mai da solo a un evento importante come il matrimonio: ha sempre un assistente che lo aiuta soprattutto nei momenti clou di cui sopra, proprio per non perdere l’attimo e ritrarre la scena anche da diverse angolazioni.

Se si tratta di professionisti già questo dovrebbe essere sufficiente.

Ma se ci tieni davvero tanto ad avere foto di TUTTO e TUTTI potresti considerare la possibilità di chiedere un secondo fotografo e investire qualche soldino in più, soprattutto se:

  • Tu e lo sposo vi preparate in luoghi lontani l’uno dall’altro e anche lui vuole documentare quei momenti.
  • Hai progettato un meraviglioso photobooth e prevedi che i tuoi invitati ci si divertiranno nella fase dell’aperitivo, quando ancora c’è luce. Se il fotografo è impegnato con voi altrove, chi potrà immortalare il momento con scatti di qualità che gli rendano giustizia?
  • Vuoi che tutti i tuoi invitati, in un modo o nell’altro, compaiano nelle foto, con o senza di voi. Una possibilità consiste nel fare delle foto ai tavoli, magari mentre conversano tra una portata e l’altra, in modo che ci siano tutti, ma senza pose fasulle. Capisci bene però che un fotografo da solo potrebbe non riuscire a “coprire” tutti i tavoli in breve tempo, soprattutto se voi vi fermate a chiacchierare a lungo con alcuni… un secondo fotografo potrebbe ovviare al problema!

Il mio consiglio quindi è di farti spiegare subito dal tuo fotografo come lavora di solito, se ha un assistente soltanto di supporto, o se il suo servizio già prevede la presenza di due fotografi professionisti. Chiarisci le tue esigenze in modo che lui possa organizzarsi di conseguenza!

 

Bene, ora che ti ho fatto le mie raccomandazioni, facciamo qualche domanda al nostro ospite di oggi: Roberto Candido, fotografo specializzato in matrimoni ed eventi a Roma (e non solo).

fotografo matrimonio fotografo matrimonio fotografo matrimonio fotografo matrimonio

Complici le ultime tecnologie e il boom della comunicazione online, la fotografia è oggi diventata una moda, un hobby a portata di tutti. Non è forse vero che tutti noi, con in mano i nostri cellulari di ultima generazione, ci sentiamo un po’ fotografi su Instagram e Facebook?Ma qual è il rischio a cui si va incontro se, nel giorno più importante, ci si affida a fotografi improvvisati?

Intanto non bisogna mai dimenticare che il matrimonio è un evento irripetibile, non ammette repliche. Deve essere, come si dice, “buona la prima”! Scegliere un professionista vuol dire riconoscere il valore, oltre che della persona a cui ci si affida, degli strumenti più all’avanguardia, così come di un’organizzazione impeccabile: chi lavora ad alti livelli ha sempre con sé attrezzature di riserva per poter far fronte a imprevisti ed emergenze. 

Un altro aspetto importante è il dress code: non siamo invitati, stiamo lavorando, ma non per questo possiamo presentarci sciatti o con un abbigliamento inadeguato. Chi lavora con serietà si distingue anche in questo: è impeccabile, anche nell’aspetto.

Infine un ulteriore plus da tenere in considerazione è che un professionista ha a sua volta una rete di propri fornitori che gli consentono di offrire agli sposi un prodotto finale su misura: album tradizionale, fotolibro, box in plexiglass… ogni supporto ha delle caratteristiche particolari e può essere a sua volta personalizzato per la coppia.

 

La fotografia di matrimonio, per la delicatezza dell’evento in cui interviene e per le alte aspettative degli sposi, presenta sicuramente delle particolari esigenze che solo un esperto del settore specifico può soddisfare. Di bravi fotografi ce ne sono tanti: ma quali sono i requisiti e gli aspetti più importanti da tenere a mente quando si sceglie un professionista a cui affidare il proprio matrimonio?

Un fotografo specializzato in matrimoni conosce già le location e le chiese della zona, quindi sa fin dall’inizio cosa troverà al suo arrivo, sia in termini di possibili difficoltà logistiche, che di punti forti da esaltare. Inoltre conosce le varie fasi e le dinamiche di un evento complesso come il matrimonio, nonché le sue  tempistiche particolari, ciò significa che è in grado di gestire al meglio il tempo a disposizione. 

C’è anche da sottolineare che un fotografo che lavora nel wedding sa come coordinarsi con gli altri fornitori, è abituato a lavorare in sinergia con tutti gli altri soggetti coinvolti. Per fare gioco di squadra bisogna conoscere il gioco!

 

Prima parlavamo dei momenti clou che proprio non possono mancare nell’album di nozze; oltre ai classici come l’ingresso della sposa, lo scambio delle fedi, la torta ecc., quali altri più insoliti e particolari ti senti di consigliare alle nostre spose per dare un tocco di originalità ai loro ricordi? C’è un soggetto (o un oggetto) che ti piace fotografare più degli altri?

Il mio stile è riconducibile al reportage, quindi cogliere l’attimo e le emozioni in modo spontaneo. Ciò che mi piace fare è immortalare le espressioni delle persone in determinati momenti emotivamente forti, durante la cerimonia ma non solo: hai presente, ad esempio, quando vengono proiettati a sorpresa i video con foto degli sposi? Ecco, in questi casi: focus sugli sposi, ma senza dimenticare gli  invitati, che spesso ci regalano grandi emozioni. E poi tutti quei dettagli che vengono progettati con cura, che meritano quindi attenzione e che rendono diverso ogni matrimonio. Ogni evento è a sé, quindi ogni volta trovi qualcosa di unico e particolare da fotografare, per questo è un lavoro meraviglioso e pieno di stimoli.

Ringrazio Roberto Candido per questi preziosi suggerimenti e a te, mia cara sposa, do appuntamento sempre qui, su queste pagine con altri spunti di riflessione e suggerimenti per il tuo matrimonio da sogno!

A presto,

Alessia

 

PHOTO CREDITS: Roberto Candido

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *