MINI GUIDE #1 – Il catering – intervista flash a Nicolai Ricevimenti

11/01/2018 Mini Guide 0
catering

 

Ciao! Oggi inauguro una nuova rubrica, quelle delle Mini Guide.

In ogni articolo parleremo di un singolo aspetto del matrimonio, facendo un quadro semplice e chiaro di tutto ciò che bisogna sapere sull’argomento. Ne approfitterò per rivolgere alcune FAQ a veri esperti del settore, in una breve intervista.

Cominciamo quindi con uno degli elementi fondamentali in ogni matrimonio: il CATERING

Prima di entrare nel vivo dell’argomento devo premettere che sto usando in modo consapevolmente improprio questo termine: in realtà oggi parliamo di BANQUETING (e la distinzione la faremo tra poco), ma per comodità ricorrerò al più comunemente usato “catering” per indicare quel fornitore che si occupa dalla A alla Z del banchetto di nozze: dal cibo all’allestimento della mise en place, senza dimenticare il servizio.

 

Credimi se ti dico che un matrimonio può essere esteticamente perfetto, ma se si mangia male o il servizio è mediocre i tuoi invitati noteranno solo quello, mentre i fiori, le bomboniere e tutti quei deliziosi particolari che hai curato con tanto amore passeranno in secondo piano.

Ma non è tutto…

Ti sarà certamente capitato di essere invitata ad un ricevimento in cui il pranzo sembrava non dover finire mai: ore ed ore seduti a tavola, con noiose pause tra una portata e l’altra… nella migliore delle ipotesi le persone iniziano a scalpitare e andarsene in giro per la villa, nella peggiore qualcuno si addormenta!

O forse ti è successo di arrivare sul luogo del ricevimento, magari dopo un lungo viaggio in macchina nella calura estiva, desiderando di sorseggiare uno Spritz fresco ed assaggiare qualche prelibatezza… e scoprire invece che il buffet è ancora chiuso e bisognerà attendere l’arrivo di tutti gli invitati o, peggio, degli sposi per poter iniziare a rifocillarsi!

Ecco, per scongiurare questi ed altri gravi disservizi è necessario affidarsi a professionisti del settore.

 

Ed ora, cara la mia sposa, ti starai chiedendo come fare ad individuare in mezzo a tanti un catering affidabile.

A questa e ad altre domande lascio rispondere un vero esperto del mondo del banqueting e dell’arte del ricevere: Nicola Gaudenzino, fondatore di Nicolai Ricevimenti, società leader da oltre 40 anni nel panorama romano e non solo.

 

catering

Nicolai Ricevimenti

catering

Nicolai Ricevimenti

catering

Nicolai Ricevimenti

catering

Nicolai Ricevimenti

 

 Intanto spieghiamo la differenza tra catering e banqueting

Mi fa piacere poter rispondere a questa domanda, sciogliendo un dubbio che hanno molti dei nostri clienti, perché spesso si pensa che questi due termini siano sinonimi; in realtà il catering prevede la fornitura di alimenti e bevande nell’ambito di grandi eventi, che vengono preparati in precedenza e poi riscaldati sul posto prima di essere serviti. Invece con banqueting si intende la preparazione espressa dei cibi all’interno di cucine attrezzate messe a disposizione dalle location oppure in cucine cosiddette “da campo”, allestite per l’occasione, e che poi vengono smontate successivamente alla fine dell’evento.

 Quali sono, allora, gli elementi da tenere in considerazione per non avere brutte sorprese?

 Riallacciandomi alla precedente domanda, una coppia che si accinge ad organizzare un ricevimento di nozze dovrebbe assicurarsi che l’azienda a cui si affida per quel giorno fornisca un servizio di banqueting cucinando cibi espressi, avvalendosi di chef professionisti, e non semplici amanti della cucina che si improvvisano tali.

A poco servono le ormai inflazionate “prove d’assaggio” perché, come dico spesso ai nostri clienti, un conto è cucinare per due persone, altro è farlo per cento invitati; chiedete quindi ad altre persone che hanno partecipato ad eventi, o si sono serviti della società di catering che avete intenzione di scegliere, perché la miglior pubblicità per gli operatori del settore è il passaparola.

Un altro aspetto fondamentale per la buona riuscita di un evento è il servizio, quindi assicuratevi che il personale che l’azienda mette a disposizione sia qualificato e preparato a risolvere anche un eventuale imprevisto. Vi assicuro che le variabili che determinano la riuscita di un ricevimento sono moltissime, e può capitare che qualcosa vada storto, l’importante è risolverlo tempestivamente, con professionalità e senza che il cliente si accorga di nulla, perché è la vostra giornata indimenticabile e non ci saranno repliche. Il vostro unico pensiero dovrà essere quello di godervi il momento appieno, e per far si che ciò accada dovete fidarvi  e affidarvi a chi avete scelto.

 Infine, vogliamo dare qualche consiglio a proposito della scelta del menu? Quali gli errori più comuni da evitare?

 La scelta del menu è un momento importante e, oserei dire, cruciale: bisogna scegliere quello che più vi piace, cercando anche di accontentare tutti gli ospiti, e vi assicuro che non è una cosa facile.

Poiché le critiche ci saranno sempre – per gusti diversi da chi sceglie, per pignoleria o, semplicemente, per invidia – il consiglio che mi sento di dare è che, essendo voi i protagonisti assoluti di questa giornata, ed essendo improbabile riuscire ad accontentare tutti per i motivi appena espressi, dobbiate pensare a quello che rende felici voi, gli sposi.

In ogni caso, riguardo al ricevimento in generale, come ha già detto anche Alessia, considerate che le lunghe attese seduti a tavola o disservizi come la mancanza di bevande fresche durante l’aperitivo in attesa degli sposi sono considerati una mancanza di rispetto nei confronti di chi è venuto al vostro ricevimento per festeggiare e gioire con voi, e non per soffrire. 

Spero di aver fatto chiarezza su alcuni dei punti fondamentali nell’organizzazione di un matrimonio e ringrazio te, Alessia, per avermi dato l’opportunità di farlo.

Ringrazio il signor Nicola Gaudenzino per aver condiviso con noi questi preziosi suggerimenti.

Spero, mia cara sposa, che adesso avrai le idee più chiare, ma per qualsiasi dubbio non esitare a contattarmi!

A presto,

Alessia

 

PHOTO CREDITS: Roberto Candido

Foto copertina: Rawpixel

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *